viaggio filatelico tra i vulcani del mondo: filippine e indonesia

Anello di fuoco – Vulcani attivi – Zolle tettoniche


Filippine

Undici grandi isole e migliaia di piccole formano il lungo l'arco insulare delle Filippine [2.000 km] che separano l' Oceano Pacifico dal Mar Cinese Meridionale in prossimità del continente asiatico. Nella zona costiera di questa regione ci sono più di 100 vulcani sulle isole e al di sotto del livello del mare. Questi edifici sono bassi, esplosivi e con coni relativamente grandi.

Tre importanti vulcani attivi si trovano nell'Isola di Luzon.

Il vulcano Taal che è alto solo 305 m, ma il suo diametro alla base è di 5 km e il suo cratere ha 2 km di diametro. La caldera di questo vulcano è parzialmente riempita dal lago Taal. La lava del vulcano è viscosa [andesitica] e, quindi, le sue eruzioni sono di tipo esplosivo. Questo vulcano è molto attivo.

Lago Taal                                                          Vulcano Taal

    

Filippine 1962 - Scott 870           Filippine 1965 - Scott C94

Vulcano Mayon

Filippine 1960 - Scott 826

Il vulcano Mayon [2.462 m] la cui eruzione, nel febbraio del 2000, ha costretto 46.000 persone ad evacuare dai villaggi adiacenti.

Vulcano Mayon

Mayon3_Filippine.jpg

China State Postal Bureau

Vulcano Pinatubo

Filppine 1992 - Scott multi n.c.

Prima del 1991 la caldera del vulcano Pinatubo era fortemente erosa e coperta da una densa foresta. L'eruzione pliniana del giugno 1991, la prima dopo 5 secoli di inattività, fu la seconda più grande e violenta eruzione del XX secolo. Migliaia di abitazioni furono distrutte. Gli effetti dell'eruzione furono avvertiti a livello planetario: nei mesi successivi la temperatura globale diminuì di mezzo grado Celsius e il buco dell'ozono crebbe sostanzialmente.

Indonesia

A ovest delle isole Filippine, ci sono le isole dell'Indonesia incluse Sumatra, Giava, Bali, Flores, ecc. Anche questo è un arco insulare che separa le zolle indocinesi e australiane.

Gunung Merapi

                  

Indonesia 1954 - Scott SP 45 - 47

Gunung Bantulah

Indonesia 1963 - Scott B 154 -155

I vulcani importanti sono: Merapi [in indonesiano Gunung Merapi, 2.911 m] sull'Isola di Giava. Il suo nome significa Montagna di fuoco ed é uno dei vulcani più attivi in Indonesia; Bantulah e Gunung Meletus, che hanno creato seri problemi per gli abitanti dell'isola di Giava.

Gunung Meletus


Indonesia 1967 - Scott B 210

Per questo motivo i francobolli con le loro immagini hanno sovrastampe con prezzo maggiore rispetto al prezzo originale. Questo denaro in più viene devoluto alle vittime dell'eruzione.

Uno dei terremoti più terribili nella storia ha avuto luogo nel 1883 sull'isola Krakatoa nello stretto della Sonda tra le isole di Sumatra e Giava. Dal 1877, i terremoti in questa regione erano diventati sempre più frequenti e nel maggio del 1883 il Krakatoa cominciò ad eruttare cenere, raggiungendo il suo massimo di eruzione il 27 agosto 1883.

Krakatoa - Mappa dell'eruzione

Indonesia 1983 - Scott 1204
Krakatoa

Indonesia 1983 - Scott 1205

Il boato di questa esplosione, che eruttò 20 km cubi di materiale, si udì in Australia a 3.600 km e all'isola Rodriguez, nell'Oceano Indiano, a 5.000 km. La polvere fine salì nella stratosfera e si diffuse in tutto il globo per ben due settimane. L'eruzione creò uno tsunami gigante, di 40 metri di altezza, che correva alla velocità di 1120 km/h. e che si abbatté su isole popolate distruggendo le città di Marak, Anier, e Tiaringan. Più di 36.000 persone rimasero uccise.

La caldera generata dall'esplosione è stata rapidamente riempita e nel 1933 un nuovo vulcano, Anak Krakatau è emerso sopra di essa. Eruzioni deboli sono state registrate nel 1972.

 

Last modified: Martedì 26 dicembre 2017

 

Support Wikipedia