Viaggio filatelico tra i vulcani del mondo:

Nord Atlantico

Anello di fuoco – Vulcani attivi – Zolle tettoniche

Negli oceani, i vulcani si formano lungo le dorsali medio-oceaniche (Mid Oceanic Ridge - MOR), lungo le faglie trasversali o lungo le faglie parallele al MOR. Le isole vulcaniche dell'Oceano Atlantico sono un tipico esempio.

Dorsale medio atlantica

Ascension, 1980 - Scott 268
Mappa dell'Islanda

Islanda, 1972 - Scott 446

L'Islanda è un'isola di origine vulcanica, geologicamente giovane (circa 20 milioni di anni) e ancora in corso di formazione. La geologia di quest'isola è molto particolare, infatti l'Islanda è la più ampia parte emergente della lunga dorsale medio-atlantica (Mid Atlantic Ridge) ed è l'espressione terrestre e visibile di ciò che troveremo, al di sotto della superficie marina, nelle dorsali medio oceaniche.

La nascita geologica dell'Islanda si suppone essere causata dall'incontro tra la dorsale medio atlantica e un Hot Spot (punto caldo): ciò ha creato le condizioni necessarie affinché nella zona occupata oggi dall'Islanda si realizzasse, sul fondo oceanico, un'intensa attività eruttiva che col tempo ha fatto accumulare così tanto materiale eruttivo da far nascere l'isola islandese. L'Islanda ha quindi un'origine esclusivamente vulcanica e l'intensa attività vulcanica è ben visibile tutt'oggi con moltissimi vulcani attivi (circa 130) sparsi per tutta l'isola.

Crateri di Laki

Islanda, 1970 - Scott 426

Il Laki, o Lakagigar (Crateri di Laki), è un sistema di crateri vulcanici situato nell'Islanda meridionale che eruttano lava basaltica molto fluida.

Ci sono anche i vulcani-strato. Il più grande vulcano é l'Hekla (1.491 m), che ricorda una barca capovolta di 12 km di lunghezza e 5 km di larghezza. E' disseminato di coni avventizi. che eruttano lava andesitica e materiale detritico misto a rocce acide (rioliti). Questo edificio è emerso 9.000 anni fa e ci sono stati 20 eruzioni durante gli ultimi 1.000 anni.

Vulcano Hekla

Islanda, 1948 – Scott 249
Vulcano Hekla

Islanda, 1948 – Scott 252
Vulcano Hekla

Islanda, 1948 – Scott 248

Nel febbraio del 2000, il vulcano ha prodotto una colonna di fumo e di gas di 6 km e un flusso di lava lungo 7 km di lunghezza.

Nel gennaio del 1973, sulle isole vulcaniche di Westmannayar, 20 km a sud d'Islanda, il vulcano Helgafel (227 m), sull'isola Heimaey, ha ripreso la sua attività dopo 7.000 anni ed è durata un anno con gravi problemi per gli abitanti dell'Isola.

Vulcano Helgafel ad Heimaey

Islanda, 1975 - Scott 476

Vulcano Helgafel ad Heimaey

Islanda, 1975 - Scott 477

Al margine meridionale di questo arcipelago, una nuova isola è emersa durante un'eruzione sottomarina a largo della costa meridionale dell'Islanda. Si tratta di Surtsey (in islandese: Isola di Surtur).

Surtsey, aprile 1964

Islanda, 1965 - Scott 372
Surtsey, novembre 1963

Islanda 1965 - Scott 373
Surtsey, settembre 1964

Islanda 1965 - Scott 374

L'eruzione vulcanica che la formò, iniziò a 130 m sotto il livello del mare e raggiunse la superficie il 14 novembre 1963. L'eruzione iniziò alcuni giorni prima con emissione di detriti e di vapore, la cui colonna è stata di 16 km di altezza e durò fino al 5 giugno 1967, quando l'isola raggiunse la sua massima estensione pari a 2,7 km² e 190 m di altezza. Da allora, il vento e le onde hanno eroso la sua superficie facendola diminuire costantemente. Nel 2005 essa misurava 1,4 km².

Eyjafjallajökull è un ghiacciaio dell'Islanda. Il ghiacciaio ricopre il vulcano Eyjafjöll. In località Fimmvörðuháls, la notte del 20 marzo 2010 si è aperto un cratere vulcanico.

Vulcano Eyjafjöll

Islanda, 2010 - Scott n.c.
Vulcano Eyjafjöll

Islanda, 2010 - Scott n.c.

Il 15 aprile la presenza di una nube di ceneri vulcaniche emessa dal vulcano ha portato alla chiusura degli spazi aerei e di vari aeroporti di alcuni paesi dell'Europa centro-settentrionale: Regno Unito, l'Irlanda, la Danimarca, la Norvegia, il Belgio, la Francia, la Germania, la Svizzera, la Svezia, la Polonia, l'Estonia, la Lettonia, la Rep.Ceca, l'Austria, l'Ungheria, la Romania, la Spagna e l'Italia.

 

Last modified: Martedì 26 dicembre 2017

 

Support Wikipedia